Si può fare

Dipendenza

L’area dipendenza rappresenta il pilastro che ha dato vita all’Associazione La Centralina Onlus prima ed alla Si Può Fare Cooperativa Sociale Onlus successivamente. Don Diego ha conosciuto i primi “tossici” negli anni 70 dove l’eroina la faceva da padrone ed i “drogati” venivano emarginati dalla società; il suo spirito cristiano e la sua devozione nei confronti degli indifesi lo hanno avvicinato a queste persone dando così poi sviluppo ad un percorso di accoglienza di persone con problemi di dipendenza. Il passare degli anni ha visto il fenomeno della dipendenza ampliarsi andando ad abbracciare anche criticità legate all’alcol ed alle nuove dipendenze come ad esempio il gioco d’azzardo. La cooperativa sociale diviene quindi un punto di riferimento del territorio che fornisce un servizio residenziale al territorio ma che può rappresentare anche un’opportunità formativa ed informativa per la popolazione organizzando e/o partecipando ad incontro, conferenze e convegni organizzati dalle scuole, dagli enti e/o da singoli cittadini.  

Comunità Pedagogica La Centralina

La comunità pedagogica-riabilitativa rappresenta la realtà storica ed era ubicata nella centralina dell’Enel sita in località San Bello (da qui il nome dell’associazione e della comunità stessa); successivamente è stata trasferita nella struttura della Caritas diocesana di Como localizzata in Località Cermeledo nel comune di Morbegno. La comunità accoglie uomini maggiorenni caduti nel baratro della dipendenza (alcol, sostanze stupefacenti e pene detentive alternative al carcere). L’accesso comunitario avviene tramite appositi servizi (Ser.T. o SMI) oppure contattando direttamente la struttura la quale effettua dei colloqui valutativi per determinare l’accesso. Il percorso comunitario mira alla creazione di premesse per la ricerca di soluzioni alla criticità legata alla dipendenza valorizzando gli aspetti positivi del proprio carattere ed affrontando in maniera protetta le difficoltà. Gli ospiti ai trovano a vivere il cammino comunitario approfondendo la conoscenza del se che li porta al riconoscimento di un maggiore spirito critico nonché un senso di responsabilità fino ad allora sopito; la riscoperta di queste peculiarità consente la costruzione di relazioni interpersonali significative che portano a vivere la propria vita in maniera differente dal passato. L’accreditamento della comunità con il SSN consente l’accoglienza di 16 ragazzi che permangono per un tempo medio di 24 mesi; il percorso prevede un programma individualizzato che vede la prima fase (i primi tre mesi circa) di conoscenza e valutazione, la seconda fase rappresentata dal lavoro della cura del se (tra i dodici/quindici mesi) e la terza fase nella quale si pongono le basi per l’uscita comunitaria (gli ultimi sei mesi circa).

Lista d'attesa

 

Comunità Pedagogica Riabilitativa 

"La Centralina"

POSTI ACCREDITATI 16
POSTI OCCUPATI 12
POSTI LIBERI 4
LISTA D'ATTESA 6

Morbegno, 27 novembre 2018